Banca Popolare di S. Antimo

Costituzione: N.D.

Banca Popolare di S. Antimo
Nazione:

ID: 1234

Sant'Antimo è un comune italiano di 33 953 abitanti della città metropolitana di Napoli in Campania.

Il territorio del comune di Sant'Antimo costituiva probabilmente parte dell'antica Atella. Questo territorio era formato da parti degli attuali comuni Afragola, Frattamaggiore, Frattaminore, Casoria, Grumo Nevano, Casandrino, Casavatore, Arzano, Caivano, Cardito, Sant'Antimo, e altri comuni dell'agro aversano: Sant'Arpino, Cesa, Gricignano di Aversa, Orta di Atella, Carinaro e Teverola.

L'origine di Sant'Antimo è ancora contraddittoria. Due sono le ipotesi più accreditate: per alcuni, l'abitato originale risale all'anno 600, quando alcuni discepoli di Sant'Antimo si recarono nel territorio di Atella dove diffusero il culto del santo che divenne ... Altro

ID Immagine Stampatore Provincia Emissione Taglio Rarità Valore
A-1234Banca Popolare di S. Antimo-1Stab. Tip. Nappa - AversaSiena1961VariabileR1 (Più di 5000 pezzi)S1 (da 0 a 25 €)

Sant’Antimo è un comune italiano di 33 953 abitanti della città metropolitana di Napoli in Campania.

Il territorio del comune di Sant’Antimo costituiva probabilmente parte dell’antica Atella. Questo territorio era formato da parti degli attuali comuni Afragola, Frattamaggiore, Frattaminore, Casoria, Grumo Nevano, Casandrino, Casavatore, Arzano, Caivano, Cardito, Sant’Antimo, e altri comuni dell’agro aversano: Sant’Arpino, Cesa, Gricignano di Aversa, Orta di Atella, Carinaro e Teverola.

L’origine di Sant’Antimo è ancora contraddittoria. Due sono le ipotesi più accreditate: per alcuni, l’abitato originale risale all’anno 600, quando alcuni discepoli di Sant’Antimo si recarono nel territorio di Atella dove diffusero il culto del santo che divenne tanto importante da dedicare una parte del territorio atellano al santo stesso; per altri, il nome dato al paese è merito del duca di Napoli Antemio che, all’inizio del IX secolo, volle edificare un tempio in onore del santo, nel territorio dove ora sorge il paese. Interessanti testimonianze del suo passato sono gli edifici religiosi: la chiesa dello Spirito Santo, risalente al XVIII secolo, e il santuario dedicato a Sant’Antimo prete e martire, imponente costruzione del 1916, in stile classicheggiante, caratterizzata dall’originale pianta a una navata inserita in una croce greca.

Il centro si sviluppò lentamente prima dell’anno 1000 ed in seguito, durante il dominio della dinastia degli Svevi, divenne un feudo baronale sotto il controllo della famiglia Filangieri. Dopo l’avvento degli Angioini, il feudo fu concesso alla famiglia Stendardo fino al 1566, dopodiché fu venduto alla famiglia Revertera che, inoltre, riuscì ad ottenere il privilegio della “Camera Riservata” dal viceré spagnolo Filippo IV. Nel 1629 la famiglia Revertera cedette il feudo alla famiglia Ruffo. A quest’ultima, successe la famiglia Mirelli, a cui il feudo fu venduto, e lo tenne fino al 1807, anno in cui ci fu la fine del regime feudale.

Translate