Banca Nazionale negli Stati Sardi - Lire 20

Costituzione: 14 Dicembre 1849

Banca Nazionale negli Stati Sardi - Lire 20

ID: 40041

La Banca Nazionale negli Stati Sardi è stata la banca centrale del Regno di Sardegna dal 1849 al 1861. Il taglio da Lire 20 era stampato solo da un lato e come filigrana appariva la cifra 20 Banca Nazionale.  La banconota emessa il 27 febbraio 1856 con la legge 1500 del 27 febbraio 1856, la Banca ufficializzò una sede a Cagliari e fece stampare questo biglietto. Lo stesso era in circolazione solo nella Sardegna.

Storia

Nel 1844 un gruppo di commercianti sotto la guida di Carlo Bombrini aveva fondato la Banca di Genova.

Nel 1847 era stata fondata anche la Banca di Torino, ma ebbe scarso successo e perciò le due banche nel 1849 si fusero in un’unica società privata, che si chiamò Banca Nazionale degli Stati Sardi.

Altro
IDImmagineCittàEmissioneTaglioColore/ParticolaritàRaritàValore
A-40041-Torino27-2-1856Lire 20Bozzi, Oneto,Nazari Tir. 100.000R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
B-40041Banca Nazionale negli Stati Sardi – Lire 20-2Torino8-1-1857Lire 20Balduino, Bannini Tir. NDR6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
C-40041-Torino2-5-1859Lire 20Berocco, Tecotini, Torre Tir. 200.000R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
D-40041-Torino1-5-1866Lire 20Bozzi, Oneto, Nazari Tir. 2.000.000R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
E-40041Banca Nazionale negli Stati Sardi – Lire 20-5Torino16-5-1866Lire 20Bozzi, Oneto, Nazari Tir. N.D.R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
F-40041Banca Nazionale negli Stati Sardi – Lire 20-6Torino25-7-1866Lire 20Bozzi, Oneto, Nazari Tir. N.D.R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
G-40041-Torino23-1-1867Lire 20Bozzi, Oneto, Nazari Tir. N.D.R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
H-40041Banca Nazionale negli Stati Sardi – Lire 20-8Torino30-10-1867Lire 20Bozzi, Oneto, Nazari Tir. N.D.R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)

La Banca Nazionale negli Stati Sardi è stata la banca centrale del Regno di Sardegna dal 1849 al 1861. Il taglio da Lire 20 era stampato solo da un lato e come filigrana appariva la cifra 20 Banca Nazionale.  La banconota emessa il 27 febbraio 1856 con la legge 1500 del 27 febbraio 1856, la Banca ufficializzò una sede a Cagliari e fece stampare questo biglietto. Lo stesso era in circolazione solo nella Sardegna.

Storia

Nel 1844 un gruppo di commercianti sotto la guida di Carlo Bombrini aveva fondato la Banca di Genova.

Nel 1847 era stata fondata anche la Banca di Torino, ma ebbe scarso successo e perciò le due banche nel 1849 si fusero in un’unica società privata, che si chiamò Banca Nazionale degli Stati Sardi.

Il 24 maggio 1851, Cavour, presentò un disegno di legge che autorizzava la Banca a portare il suo capitale da 8 a 16 milioni, con l’ingresso nei mesi successivi di nuovi azionisti, imponendole in pari tempo l’obbligo di istituire due succursali a Nizza e a Vercelli e di assumere le funzioni di cassiere dello Stato.

Grazie alle pressioni di Cavour nel 1853 la Banca si vide affidata i compiti di Tesoreria di Stato e conseguentemente ebbe una notevole disponibilità economica per effettuare prestiti.

Con la nascita del Regno d’Italia l’Istituto prese la nuova denominazione di Banca Nazionale nel Regno d’Italia e nel 1867 inglobò sia la Banca di Parma sia la Banca delle Quattro Legazioni.

FONDAZIONE ISTITUTO14 Dicembre 1849
PRIMA EMISSIONE 1 Luglio 1851
ULTIMA EMISSIONE17  Gennaio 1872
FUORICORSO—-
PRESCRIZIONE30 Settembre 1886

Attività

La banca aveva una sede a Torino e un’altra a Genova. La sede di Torino fu alquanto attiva, in quanto vi era una forte contiguità col governo. La Banca divenne il braccio finanziario di Cavour, essendo l’unica banca autorizzata ad emettere cartamoneta.


La Banca Nazionale negli Stati Sardi nasce dalla fusione tra la Banca di Genova e la Banca di Torino, approvata il 14 Dicembre 1849.

Il 1 Luglio 1851 viene autorizzata l’emissione di banconote da 100, 250, 500 e 1000 Lire alle quali si aggiungeranno, nel 1857 i tagli da 20 e 50 Lire.

Alla nascita del Regno, la Banca Nazionale è l’unico istituto autorizzato ad emettere cartamoneta in tutti i territori del Regno, a differenza delle altre banche, la cui circolazione era limitata entro ambiti regionali.

Nel 1866 la Banca Nazionale negli Stati Sardi cambia denominazione, per divenire Banca Nazionale nel Regno d’Italia, ma questo passaggio è nella pratica molto graduale in quanto gli organismi, le sedi, i dipendenti rimangono invariati. Le banconote stesse hanno un lungo periodo di “convivenza”. L’ultima emissione riportante la denominazione “Banca Nazionale negli Stati Sardi” è datata 17 Gennaio 1872 e la contemporanea circolazione prosegue fino al ritiro il cui termine ultimo è fissato al 30 Settembre 1866.

Chiudi il menu
Translate

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

>> Cookie Policy <<