Partito Nazionale Fascista

Costituzione: 24 marzo 1938

Partito Nazionale Fascista

Pagina libro: 1026

ID: 3649

REGIO DECRETO LEGGE 24 MARZO 1938

Il Partito Nazionale Fascista (PNF) fu il primo partito politico italiano espressione del movimento fascista.
Nato nel 1921 dalla fusione tra i Fasci Italiani di Combattimento e l'Associazione Nazionalista Italiana, guidò la cosiddetta rivoluzione delle camicie nere che portò, nell'autunno del 1922, Benito Mussolini a divenire presidente del Consiglio dei ministri e, tra la metà e la fine degli anni venti, diventò, prima de facto poi de iure, il partito unico del Regno d'Italia fino alla caduta del regime fascista nel luglio del 1943.
L'organo ufficiale del partito era Il Popolo d'Italia, quotidiano fondato da Mussolini nel 1915.

 

ID Immagine Stampatore Provincia Emissione Taglio Rarità Valore
A-3649Partito Nazionale Fascista-1Officina Carte-Valori Istituto Poligrafico dello StatoRoma19381 titolo da L. 500R7 (26-50 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
B-3649Partito Nazionale Fascista-2Officina Carte-Valori Istituto Poligrafico dello StatoRoma19381 titolo da Lire 1000R6 (51-100 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
C-3649Partito Nazionale Fascista-3Officina Carte-Valori Istituto Poligrafico dello StatoRoma19381 titolo da L. 5000R9 (6-10 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)
D-3649Partito Nazionale Fascista-4Officina Carte-Valori Istituto Poligrafico dello StatoRoma19381 titolo da Lire 10000R10 (3-5 pezzi)S6 (da 501 a 1.000 €)

REGIO DECRETO LEGGE 24 MARZO 1938

Il Partito Nazionale Fascista (PNF) fu il primo partito politico italiano espressione del movimento fascista.
Nato nel 1921 dalla fusione tra i Fasci Italiani di Combattimento e l’Associazione Nazionalista Italiana, guidò la cosiddetta rivoluzione delle camicie nere che portò, nell’autunno del 1922, Benito Mussolini a divenire presidente del Consiglio dei ministri e, tra la metà e la fine degli anni venti, diventò, prima de facto poi de iure, il partito unico del Regno d’Italia fino alla caduta del regime fascista nel luglio del 1943.
L’organo ufficiale del partito era Il Popolo d’Italia, quotidiano fondato da Mussolini nel 1915.

 

Translate