Nestlè Alimentana Company

Costituzione: N.D.

Nestlè Alimentana Company
Nazione: Svizzera

ID: 36015

Nestlé S.A. o Société des Produits Nestlé S.A. (pronuncia: /nɛs'le/) è un'azienda multinazionale attiva nel settore alimentare, con sede a Vevey, in Svizzera. Produce e distribuisce una grande varietà di a... Altro

IDImmagineProvinciaEmissioneTaglioRaritàValore
A-36015Nestlè Alimentana Company-1Cham & Vevey19491 Azione al portatoreR2 (1001-5000 pezzi)S2 (da 26 a 50 €)

Nestlé S.A. o Société des Produits Nestlé S.A. (pronuncia: /nɛs’le/) è un’azienda multinazionale attiva nel settore alimentare, con sede a Vevey, in Svizzera. Produce e distribuisce una grande varietà di articoli, dall’acqua minerale agli omogeneizzati, dai surgelatiai latticini.

Nestlé è la più grande multinazionale attiva nel settore alimentare dell’Europa.

Nestlé, alimenti per bambini. Un manifesto pubblicitario di Alfons Mucha del 1897.

Storia

Intorno al 1860, il farmacista Henri Nestlésviluppò un alimento per i neonati che non potevano essere nutriti al seno a causa di particolari intolleranze. Il prodotto salvò la vita di un bambino, e la Farine Lactée Henri Nestlé fu presto venduta in tutta Europa. Nel 1866 fu formalmente fondata la Nestlé.

Nel 1905, la Nestlé si fuse con la Anglo-Swiss Condensed Milk Company. Rapidamente l’azienda crebbe fino a possedere fabbriche negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e in Spagna. Durante la prima guerra mondiale crebbe la richiesta di prodotti caseari, e la produzione della Nestlé raddoppiò prima della fine del conflitto.

Dopo la fine del conflitto il mercato caseario tornò a normalizzarsi e gran parte dei consumatori tornò a latte fresco. La Nestlé rispose a questo mutamento di contesto modificando la propria linea aziendale, riducendo il proprio debito e iniziando a espandersi nel settore della produzione del cioccolato, che rappresenta a tutt’oggi la seconda attività più importante dell’azienda.

All’inizio della seconda guerra mondiale, i profitti dell’azienda scesero bruscamente (dai 20 milioni di dollari del 1938 ai 6 milioni del 1939). Furono realizzate nuove fabbriche in molti paesi in via di sviluppo, specialmente America latina. Proprio la guerra portò all’invenzione di un nuovo prodotto di enorme successo, il Nescafé, che venne inizialmente utilizzato dall’esercito degli Stati Uniti. Anche grazie a questo prodotto, i profitti dell’azienda tornarono a salire durante il conflitto.

La fine della seconda guerra mondiale fu l’inizio di una fase dinamica. La crescita dell’azienda fu accelerata e furono portate a termine numerose acquisizioni. Nel 1947 la Nestlé si fuse con la Maggi (produttrice di condimenti e zuppe). Seguirono Crosse & Blackwell nel 1950, Glaces Gervais (1960), Findus(1963), Libby’s (1971) e Stouffer’s (1973). Fu inoltre realizzata una shareholdingcon L’Oréal (1974), con ulteriore diversificazione della produzione. Nel 1977 la Nestlé continuò a espandersi al di fuori del settore alimentare acquisendo gli Alcon Laboratories. Nel 1984 venne acquisito un gigante dell’industria alimentare statunitense, la Carnation. Nel marzo 1988, Nestlé rileva la società alimentare italiana Buitoni con i relativi marchi Buitoni e Perugina.  Sempre nel 1988, a seguito dell’acquisizione del gruppo dolciario inglese Rowntree Mackintosh (azienda detentrice di vari marchi nei mercati internazionali tra cui Kit Kat, Smarties, Lion, Polo, Fruit Joy, Quality Street), Nestlé diventa il secondo produttore mondiale nel settore degli snack dietro Mars Inc..

Nella prima metà degli anni novanta, la nascita del mercato globale fornì alla Nestlé nuovi importanti mercati nei quali espandersi. Nel 1993, grazie all’acquisizione in Italia di Italgel dalla SME (marchi Motta, Antica Gelateria del Corso, Valle degli Orti e Surgela),[3] Nestlé consolida la propria presenza nel ramo del freddo in Europa. Negli anni successivi avvennero nuove importanti acquisizioni: Sanpellegrino (1997), Spillers Petfoods (1998), Ralston Purina(2002), Dreyer’s (2002) e Chef America (2002). Nel 2005 Nestlé perde posizioni nel mercato degli alimenti per l’infanzia dopo il ritiro di alcuni tipi di latte in polvere, e procede all’acquisizione di Gerber Products Company nel 2007[4] e la divisione alimentare della multinazionale Pfizer nel 2012[5] con l’intento di riconquistare una posizione di leader nei mercati emergenti. Nel 2016, Nestlé decide di scorporare le sue attività internazionali nel comparto dei gelati (eccetto per i mercati di Israele, e Nord America, dove è ancora presente attraverso le divisioni Dreyer’s e Haagen-Dazs) dando vita insieme al gruppo inglese attivo nel ramo del freddo R&R (terzo produttore mondiale del settore) a Froneri, joint venture dove entrambe le società detengono ciascuno il 50% del capitale.[6] Nel 2018, Nestlé dismette le sue attività nel settore dolciario nel mercato degli Stati Uniti, cedendo a Ferrero la proprietà di oltre 20 marchi tra cui Crunch, Butterfinger, BabyRuth, 100Grands, Raisinets, Wonka, SweeTarts, LaffyTaffy e Nerds.[7]. Il fatturato 2018 del Gruppo Nestlé è stato pari a 91.493 miliardi CHF (€ 80.583 miliardi); l’utile netto è cresciuto del 41,6% raggiungendo quota 10.1 miliardi CHF (€ 8.9 miliardi). Nel luglio 2019, Nestlé decide di cedere a Froneri le sue attività nel comparto gelati anche in Israele, rimanendo quindi operativa nel settore soltanto nei mercati del continente americano.[10]

Principali marchi

Cereali

  • Cheerios (eccetto USA)
  • Chocapic
  • Chokella
  • Cini Minis
  • Cinnamon Grahams
  • Clusters
  • Cookie Crisp
  • Crunch
  • Fibre1
  • Fitness
  • Force Flakes
  • Golden Grahams
  • Golden Nuggets
  • Honey Nut Cheerios (eccetto USA)
  • Honey Stars
  • Koko Krunch
  • Nesquik
  • Nestlé Corn Flakes
  • Oat Cheerios
  • Shredded Wheat
  • Shreddies
  • Trix

Caffè e altre bevande solubili

  • Bonka
  • Coffee-Mate
  • International Roast
  • Klim
  • Loumidis
  • Nescafé
  • Nescafé Dolce Gusto
  • Nespray
  • Nespresso
  • Orzoro
  • Ricoffy
  • Ricoré
  • Taster’s Choice
  • Zoégas

Acqua

Altre bevande

Prodotti freschi

  • Buitoni
  • Chiquitin
  • Herta
  • La Laitière
  • La Lechera
  • LC1
  • Molico
  • Nestlé
  • Ski
  • Sveltesse
  • Svelty
  • Toll House
  • Yoco

Gelati

Alimenti per neonati / Pappe

  • Alfare
  • Beba
  • Cérélac
  • FM 85
  • Fruttolo
  • Good Start
  • Guigoz
  • Lactogen
  • Mio
  • Nan
  • NAN HA
  • NanSoy
  • Neslac
  • Nestlé
  • Nestogen
  • Nestum
  • Nido
  • Nidina
  • Ninho
  • Pensal (Solo in Portogallo e Capo Verde)
  • PreNan

Alimenti per sportivi

  • Neston
  • Nesvita
  • PowerBar

Alimenti per la salute

  • Modulen
  • Nutren
  • Nutren Junior
  • Peptamen
  • Peptamen UTI
  • Nestlé Nutrition (alimenti per disfagici)

Condimenti

Cibi surgelati

  • Buitoni
  • Hot Pockets
  • Lean Cuisine
  • Maggi
  • Mare fresco (ceduto nel 2017 a Frosta)
  • Stouffer’s

Cioccolato, dolci e biscotti

Prodotti per la cucina

  • Davigel
  • Milkmaid
  • Minor’s
  • Moça
  • Santa Rica

Cibo per animali

  • Alpo
  • Beneful
  • Cat Chow
  • Dog Chow
  • Fancy Feast
  • Felix
  • Friskies
  • Gourmet
  • Mighty Dog
  • Mon Petit
  • ONE
  • Pro Plan
  • Purina
  • Tidy Cats

Critiche alla politica commerciale dell’azienda Nestlé

Fin dai tardi anni settanta, Nestlé è stata oggetto di numerose critiche circa la sua politica commerciale. Movimenti di opposizione a questa azienda, iniziati su vari fronti e in diversi paesi, sono approdati all’istituzione di un International Nestlé Boycott Committee (“comitato internazionale per il boicottaggio della Nestlé”) di cui fanno parte, formalmente o informalmente, numerose associazioni analoghe in diversi paesi del mondo. Tra i maggiori esponenti nelle critiche contro questa azienda spicca lo svizzero Jean Ziegler.

Chiudi il menu
Translate

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

>> Cookie Policy <<