Imperial Chinese Government 1911 Hukuang Railway Gold Bond

Costituzione: 1911

Imperial Chinese Government 1911 Hukuang Railway Gold Bond
Nazione: Cina

ID: 30424

Il prestito delle ferrovie di Hukuang del 1911 era per la somma di capitale di £ 10.000.000 di cui solo la prima serie di £ 6.000.000 è stata emessa. La prima serie del prestito è stata “… autorizzata dall'editto imperiale del 20 maggio 2011, calendario occidentale (comunicato ufficialmente dal Wai Wu Pu ai ministri di Pechino di Gran Bretagna, Francia, Germania e Stati Uniti d'America). Il capitale e gli interessi sono l'obbligo diretto del governo imperiale della Cina e garantiti in prima istanza (insieme alla seconda serie menzionata di seguit... Altro

IDImmagineProvinciaEmissioneTaglioRaritàValore
A-304241911 Imperial Chinese Government  Hukuang Railway Gold Bond 5%-1Hukuang1911£100 Red 5%R5 (101-250 pezzi)S5 (da 251 a 500 €)
B-304241911 Imperial Chinese Government  Hukuang Railway Gold Bond 5%-2Hukuang1911£20 Green 5%R5 (101-250 pezzi)S5 (da 251 a 500 €)

Il prestito delle ferrovie di Hukuang del 1911 era per la somma di capitale di £ 10.000.000 di cui solo la prima serie di £ 6.000.000 è stata emessa. La prima serie del prestito è stata “… autorizzata dall’editto imperiale del 20 maggio 2011, calendario occidentale (comunicato ufficialmente dal Wai Wu Pu ai ministri di Pechino di Gran Bretagna, Francia, Germania e Stati Uniti d’America). Il capitale e gli interessi sono l’obbligo diretto del governo imperiale della Cina e garantiti in prima istanza (insieme alla seconda serie menzionata di seguito se e quando debitamente emessi) su determinate entrate provinciali della provincia di Hupei e Hunan. ”

Gli istituti finanziari partecipanti che hanno gestito le disposizioni per l’emissione di obbligazioni al portatore erano:

Hongkong e Shanghai Banking Corporation che hanno emesso £ 1.500.000 a Londra al 99¾% e a Shanghai al 95%;

Banque de l’Indo-Chine che ha emesso £ 1.500.000 a Parigi al 100½%;

Deutsch-Asiatische Bank che ha emesso £ 1.500.000 a Berlino al 100%; e

New York Banks: J.P. Morgan & Co, Kuhn, Loeb & Co, la Prima Banca Nazionale della Città di New York e la National City Bank di New York che hanno emesso congiuntamente £ 1.500.000 a New York al 97%.

Le varie denominazioni di obbligazioni al portatore emesse da queste quattro banche sono riportate nelle tabelle di dati sopra.

Le cedole erano pagabili il 15 giugno e il 15 dicembre di ogni anno.

 

Le obbligazioni delle ferrovie Hukuang del governo cinese imperiale sono quasi onnipresenti sul mercato. Sono stati emessi nel 1911 da un consorzio di banche a Londra, Berlino, Parigi e New York, con numeri di serie che si estendono su sei cifre, di cui centinaia se non migliaia sembrano essere sopravvissute. Alcuni portano francobolli adesivi dello Stato di New York; mostrato qui è un’emissione di New York da £ 100 di obbligazioni con debito garantito $ 1 e francobolli da $ 1 che pagano l’imposta sugli investimenti di New York nel 1917 e nel 1918; questo garantito per l’esenzione degli obbligazionisti dall’onerosa imposta sulla proprietà personale di quello stato. Le obbligazioni coupon di questa era sono generalmente grandi e spettacolari – le obbligazioni americane in genere misurano circa 10 per 15 pollici – ma questo stabilisce nuovi standard su entrambi i punteggi. È enorme, circa 16 per 22 pollici come mostrato. Il suo design e la sua esecuzione da parte degli stampatori di sicurezza Waterlow & Sons of London sono ugualmente impressionanti, con sigilli e firme facsimili del ministro cinese delle poste e delle comunicazioni e del suo ministro a Washington. Accanto c’è la controfirma di un rappresentante delle banche di New York J. P. Morgan & Co., Kuhn Loeb & Co., la First National Bank of the City of New York e la National City Bank di New York. La bellezza è negli occhi di chi guarda e, a mio avviso, questi legami delle ferrovie Hukuang sono tra i pezzi più attraenti di sempre che portano francobolli. Obbligazioni simili emesse a Londra, Berlino e Parigi da Hong Kong e Shanghai Banking Corporation, Deutsch-Asiatische Bank e Banque de L’Indo-Chine, rispettivamente, mostrano le firme dei loro rappresentanti e dei Ministri cinesi in Gran Bretagna, Germania e la Francia. Solo le relativamente poche obbligazioni affrancate sono filatelicamente interessanti, ma tutte sono storicamente importanti. Sorprendente significato storico Esistono prove evidenti che il controverso finanziamento della ferrovia di Hukuang fu il punto di svolta che scatenò la rivoluzione cinese del 1911, che rovesciò tre millenni di governo dinastico e portò alla formazione della Repubblica cinese l’anno successivo. Non meno qualificato un osservatore di Sir John Newell Jordan, ministro britannico a Pechino dal 1906 al 1920, scrisse con il senno di poi alla fine del suo mandato che “l’accordo ferroviario di Hukuang … era la causa prossima della caduta del Dynasty. ”(Woodhouse, 2004). Il lettore può essere scusato per aver trovato improbabile che i termini di un prestito ferroviario possano innescare una rivoluzione. La spiegazione è una storia che vale la pena raccontare. Invasione tramite finanziamenti Nel 1911, i nazionalisti avevano da tempo protestato contro l’estensione del controllo estero delle ferrovie cinesi. Come sintetizzato da Goetzmann e Ukhov (2005), Secondo la maggior parte dei conti la concorrenza tra le grandi potenze per garantire le concessioni ferroviarie durante questo periodo attraverso una combinazione di diplomazia politica e la potenza finanziaria dei loro mercati dei capitali è stata, in qualche modo, il punto l’età dell’imperialismo. Almeno è stato caratterizzato come tale da commentatori contemporanei come Lenin, che ha usato la divisione della Cina in sfere di influenza dei capitalisti stranieri come esempio dell’imperialismo capitalista per eccellenza. … Praticamente le ferrovie cinesi costruite dopo il 1895 sono state finanziate da emissioni di debito estero sottoscritte da sindacati di banche di investimento a guida europea che hanno ottenuto la precedenza, concessioni immobiliari e promesse di rimborso dal governo imperiale cinese. Sotto il controllo dei banchieri che hanno finanziato i prestiti, le ferrovie cinesi sono state costruite, possedute e gestite da gestori designati dal consorzio finanziario. Certamente la caratteristica più controversa di questi prestiti era la loro disposizione per i diritti extraterritoriali [con cui gli stranieri godevano di giurisdizione su porzioni di territorio cinese]. La ferrovia orientale cinese è stata un ottimo esempio di extraterritorialità. La banca russo-cinese ha emesso un prestito di 5 milioni di tael [] in Russia nel 1896 per finanziare la costruzione di una ferrovia attraverso la Manciuria che collega la ferrovia transiberiana a Vladivostok. La ferrovia e il suo passaggio erano interamente gestiti e sorvegliati da funzionari russi, che controllavano le entrate e gli esborsi. La linea era, in effetti, un po ‘di territorio russo all’interno dei confini della Cina ed emetteva una propria valuta. [Nota dell’autore: a questo si può aggiungere che un contingente di truppe russe ha viaggiato su ciascun treno, alloggiato in posti di difesa eretti lungo la linea; che la ferrovia orientale cinese aveva oltre 20.000 impiegati russi; e che fino agli anni ’20 oltre 120.000 russi vivevano in Manciuria, rappresentando un quarto della sua popolazione, la maggior parte dipendente dal C.E.R. per il loro sostentamento.] Il prestito da £ 6 milioni delle ferrovie di Hukuang è stato l’ultimo di una lunga serie di prestiti esteri al governo imperiale cinese per la costruzione di ferrovie. Non meno di 27 di questi prestiti compaiono nella vasta lista di emissioni di debito estero cinese dopo il 1861 compilata da Goetzmann e Ukhov (2005); il prestito di Hukuang era il più grande, ma altri tre erano per importi tra $ 19,6 milioni e $ 22,5 milioni.

 

Chiudi il menu
Translate

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

>> Cookie Policy <<