IBM Italia

Costituzione: N.D.

IBM Italia
Nazione:

Pagina libro: 1085

ID: 8347

L'International Business Machines Corporation, che è comunemente nota e commercializza i propri prodotti comeIBM, e soprannominata "Big Blue", è un'azienda statunitense, tra le maggiori al mondo nel settore informatico. IBM produce e commercializza hardware e software, offre infrastrutture, servizi di hosting, servizi di cloud computing e consulenza in settori che spaziano dai mainframe alle nanotecnologie. L'azienda produce computer di tutte le dimensioni, software e servizi informatici.

Invenzioni famose di IBM includono il disco floppy, la carta a banda magnetica, il database relazionale, la scheda madre, i connettori PS/2, l'Universal Product Code (UPC) ovvero il codice a barre, il sistema SABRE di prenotazione aerea, laDRAM e il sis... Altro

ID Immagine Stampatore Provincia Emissione Taglio Rarità Valore
A-8347IBM Italia-1Officina Carte Valori Turati Lombardi e C. - MilanoMilano1961100 obbligazioniR3 (501-1000 pezzi)S3 (da 51 a 100 €)

L’International Business Machines Corporation, che è comunemente nota e commercializza i propri prodotti comeIBM, e soprannominata “Big Blue”, è un’azienda statunitense, tra le maggiori al mondo nel settore informatico. IBM produce e commercializza hardware e software, offre infrastrutture, servizi di hosting, servizi di cloud computing e consulenza in settori che spaziano dai mainframe alle nanotecnologie. L’azienda produce computer di tutte le dimensioni, software e servizi informatici.

Invenzioni famose di IBM includono il disco floppy, la carta a banda magnetica, il database relazionale, la scheda madre, i connettori PS/2, l’Universal Product Code (UPC) ovvero il codice a barre, il sistema SABRE di prenotazione aerea, laDRAM e il sistema d’intelligenza artificiale Watson.

Storia

Costituita il 16 giugno 1911, ma attiva dal 1888, ha sede ad Armonk, New York, USA. Nel 1910, Herman Hollerith, conferì i suoi brevetti per la Germania a Willy Heidinger, un commerciante di macchine addizionatrici che fonda la Deutsche Hollerith Maschinen Gesellschaft, abbreviata in Dehomag. Poi Hollerith vende l’intera attività a Charles Flint e questi a sua volta a Thomas J. Watson, che nel 1924 trasformerà il vecchio nome dell’azienda statunitense in IBM e renderà l’azienda leader nel campo dei sistemi meccanografici, destinati ad avere un grande successo nell’epoca del New Dealroosveltiano. La filiale italiana dell’IBM fu costituita nel 1927.

 Un IBM 360/20

Anni sessanta – settanta

Con l’avvento del calcolatore elettronico, il prodotto principale di IBM diventa il mainframe, in cui è tuttora leader di mercato. Il 7 aprile 1964 annuncia la famiglia di mainframe IBM System/360 che rimarrà in produzione tra il 1965 e il 1978

Anni ottanta – novanta

 Il primo PC IBM (1981)

Tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta, a causa dell’emergere dell’informatica distribuita, attraversò un periodo di profonda crisi.

IBM ricominciò a salire la cima puntando sue due direttrici: i servizi a valore aggiunto, e i sistemi cosiddetti “midrange”, cioè la serie AS/400 (prodotta negli stabilimenti di Rochester – USA, Roma Santa Palomba – Italia e dal Campus di Dublino – Irlanda), oggi iSeries, che avrebbe avuto grande successo prima nelle piccole e medie imprese e poi anche nelle grandi aziende, dove si conquistò un posto come “snodo” fra i grandi Mainframe e le unità produttive decentrate.

 Cabinet del sistema

IBM ha costruito Deep Blue, computer progettato per giocare a scacchi, che batté nel 1997 l’allora campione del mondo Garry Kasparov. Blue Gene nella sua più potente configurazione (Blue Gene/L) è stato (a novembre 2007) il più potente computer del pianeta.
Il primato di questo calcolatore è stato superato nel giugno 2008 da IBM Roadrunner.

Anni 2000

Attualmente è attiva in molti settori: dai server che vende con vari sistemi operativi (AIX, Linux, Windows NT), al software (questa divisione nasce nel 1995), ai servizi in ambito informatico, ai microprocessori (ad esempio i PowerPC, utilizzati nelle console di settima generazione come Xbox 360, Nintendo Wii e insieme a Sony e Toshiba ha sviluppato il processore multimediale Cell, utilizzato nella PlayStation 3). Dal 2000 IBM ha iniziato una politica di dismissioni ed acquisizioni, volta ad incrementare il ritorno per gli azionisti grazie allo spostamento delle vendite su prodotti/mercati maggiormente profittevoli ed abbandonando tecnologie oramai divenute “commodity” (vedasi il caso di PC e stampanti principalmente). IBM ha acquisito più di 60 aziende dal 2006 ad oggi, trasformandosi da un’azienda hw-centrica ad una realtà dove gran parte del fatturato deriva da software e servizi

Dal dicembre 2004 (operativamente da giugno 2005) IBM Corporation ha ceduto a Lenovo (azienda leader in Cina e sui mercati asiatici attiva nella produzione di PC, Cellulari, server e periferiche) PC Global, la parte dell’azienda che produce computer desktop e portatili.

Translate